Perché conviene investire in oro

Investire in oro conviene? Questa è una delle tante domande che si pongono oggi i risparmiatori, che hanno come obiettivo quello di mantenere il proprio potere d’acquisto senza eccessivi rischi. In questa nostra guida di oggi scopriremo perché conviene investire in oro, ma soprattutto perché conviene comprare oro fisico.

Conviene investire in oro? Panoramica sull’andamento delle quotazioni dell’oro negli ultimi 20 anni

Iniziamo la nostra guida partendo dal fattore più interessante per chi investe sui mercati finanziari, ovvero l’andamento del prezzo dell’oro. Spesso si parla dell’oro come un bene dal prezzo stabile, ma questa affermazione è vera solo in parte, ovvero se ci riferiamo a un periodo di tempo breve.

Infatti sul lungo periodo conviene acquistare oro perché il prezzo tende a salire, come possiamo vedere dalla seguente immagine, tratta dal grafico di Bullion Vault che indica il prezzo dell’oro negli ultimi 20 anni.

Possiamo notare come dal 2001 a oggi (2020) il prezzo sia più che quintuplicato. Nel 2001 il prezzo dell’oro stazionava sotto i 10€ al grammo, poi dal 2006 ha iniziato a crescere fino a raggiungere i 43,51€ al grammo nell’agosto del 2012.

Dopo un breve calo e un momento di stabilità il prezzo è ripreso a correre dal 2008 fino al record storico nel luglio del 2020 sopra i 55€ al grammo.

Dunque perché conviene investire nell’oro? Osservando il grafico abbiamo imparato che negli ultimi 20 anni il prezzo dell’oro è in forte ascesa. Nel prossimo paragrafo scopriremo alcuni motivi che spingono gli investitori a comprare oro fisico e a preferirlo ad altri beni.

Perché comprare oro fisico: un bene limitato in natura

La forza dell’oro non sta solamente nella crescita del prezzo negli ultimi decenni, fatto che non rende unico questo tipo di investimento. L’originalità dell’oro, che lo porta ad essere il miglior investimento che tu possa fare oggi, risiede in altri fattori che andremo a spiegare nelle prossime righe.

L’oro è in primo luogo un bene limitato in natura, con una quantità totale massima, anche se non ancora quantificabile, visto che potrebbe essercene ancora nel sottosuolo.

Questa condizione ci porta a dire che conviene investire in oro perché il suo valore tende a rimanere alto per via delle logiche di mercato. Infatti in caso di offerta limitata un bene tende a non deprezzarsi. La domanda inoltre non ha mai smesso di essere elevata, come mai? Lo vediamo nei proseguo del nostro approfondimento.

Investire in oro oggi: l’alta liquidità è un fattore positivo

Un altro motivo che ci porta ad affermare che conviene investire in oro oggi è l’alta liquidità. Cosa intendiamo esattamente per liquidità?

Più un bene ha sia compratori che venditori, più il bene è liquido. Le negoziazioni di oro fisico in tutto il mondo non mancano e il volume degli scambi è altissimo. Perché la liquidità è un fattore importante?

Un investitore compra con maggiore consapevolezza un bene che facilmente può rivendere in un secondo momento. Infatti se in futuro dovessi aver bisogno di denaro per alcune emergenze o semplicemente volessi vendere oro per ottenere un profitto, un bene liquido come l’oro potrebbe fare al caso tuo. In questo modo non saresti vincolato al tuo investimento, ma potresti facilmente monetizzarlo.

Conviene investire nell’oro perché nel lungo periodo mantiene il suo valore

Abbiamo accennato nel primo paragrafo un passaggio fondamentale dell’investimento in oro. Conviene investire in oro nel lungo periodo più che nel breve periodo. Infatti nell’arco di pochi mesi il prezzo dell’oro ti apparirà stabile, con poche oscillazioni, ma questo possiamo definirlo un fattore del tutto positivo.

Le rare variazioni di prezzo nel breve periodo sono sintomo di un bene stabile. Esso non subisce duri contraccolpi da eventi esterni, come invece accade in altri mercati finanziari.

Al contrario, invece, sul lungo periodo l’oro tende a crescere, come abbiamo già visto nel primo paragrafo, ma non parliamo solo del prezzo.

È il valore dell’oro a rimanere intatto, a non erodersi, a rimanere costante e quindi a portare stabilità al tuo investimento.

Conviene acquistare oro contro i rischi dell’inflazione

L’oro protegge il tuo capitale dai rischi dell’inflazione, che ogni anno portano all’erosione del potere d’acquisto. L’inflazione aumenta i prezzi fra un determinato periodo all’altro e porta inesorabilmente alla svalutazione della moneta, ovvero alla diminuzione del potere d’acquisto.

Sebbene nei Paesi più sviluppati l’inflazione sia bassa (l’obiettivo della BCE è +2% annuo), a distanza di vari anni l’inflazione potrebbe assumere una dimensione ben più ampia, tale da portare alla svalutazione del tuo capitale.

Comprando oro limiti questi effetti, che sono strettamente legati alla moneta utilizzata (nel nostro caso l’euro). Dunque conviene investire in oro per proteggere i tuoi risparmi dalla loro svalutazione.

L’oro acquista valore dalle crisi geo-politiche ed economiche

Conviene investire in oro durante le crisi geo-politiche ed economiche? Sì, perché mentre durante questi eventi altri titoli più volatili come le azioni si deprezzano, l’oro acquista valore.

L’oro è infatti considerato il bene rifugio per eccellenza. Si tratta del bene più ricercato dagli investitori durante turbolenze di mercato legate ad eventi politici, economici o di altra natura. Gli investitori rifugiano il proprio capitale nell’oro proprio per proteggerlo dalla volatilità del mercato, che in quelle occasioni diventa più elevata del solito.

Per questa ragione il prezzo dell’oro cresce durante le crisi e ci sono stati eventi pressoché recenti che possono confermare questa ipotesi. Di seguito riportiamo due esempi.

Dopo la crisi dei mutui subprime del 2008 e la conseguente crisi finanziaria globale il prezzo dell’oro ha raggiunto picchi altissimi nel 2012, surclassati solo nel 2020 in seguito alla crisi pandemica del Covid-19

Anche durante la crisi sanitaria e poi economica dovuta al coronavirus l’oro ha assunto il ruolo di bene rifugio e ha ottenuto un forte incremento, raggiungendo il suo massimo storico nell’agosto del 2020.

È adatto a diverse tipologie di investitori

L’oro è adatto a diverse tipologie di investitori. Sebbene si tratti di un investimento a lungo termine non è idoneo solo per coloro che intendo proteggersi dai rischi dell’inflazione e che vogliono un investimento stabile e senza forti oscillazioni.

Conviene investire in oro perché è adatto anche per chi vuole diversificare il proprio portafoglio di investimenti. Gli investitori infatti non destinano l’intera quota su un solo settore o bene finanziario, ma su un’ampia fetta di beni proprio per ridurre il rischio di default.

Investendo su più beni l’investitore potrebbe subire meno perdite nel caso in cui un titolo dovesse viaggiare in profondo passivo in borsa. Ciò avviene perché avrebbe altri titoli che viaggiano in positivo che potrebbero fare da contrappeso. Un esempio di bene utile che può portare stabilità al tuo portafoglio di investimenti è proprio l’oro.

In questi casi aver investito in oro può aiutare l’andamento del tuo portafoglio. Esso è infatti un bene che mantiene una sua stabilità e perciò potrai abbattere il rischio della perdita del capitale.

L’acquisto di oro è esente da IVA

Infine concentriamoci sul nostro Paese. In Italia l’acquisto di oro è esente da IVA, ovvero se compri oro da un operatore professionale come Orogenesi s.r.l. non verrà applicata l’imposta sul valore aggiunto.

In Italia è possibile per i privati possedere oro da investimento da relativamente pochi anni, esattamente dalla promulgazione della Legge n.7 nel gennaio del 2000.

Questa legge pone fine al monopolio dell’oro da parte dell’Ufficio italiano dei cambi e dà la possibilità ai residenti in Italia di comprare e possedere lingotti d’oro con una purezza superiore ai 995 millesimi e le monete d’oro con una purezza pari o superiore ai 900 millesimi, coniate dopo il 1800, che hanno avuto corso legale nel Paese di origine e con un prezzo che non superi dell’80% il valore corrente dell’oro sul suo mercato libero.

Quelle appena descritte sono le Queste sono infatti le caratteristiche dei lingotti e delle monete per essere definiti oro da investimento.

Se da una parte il possesso di oro non è tassato, è opportuno sottolineare che tutte le compravendite di oro con un valore pari o superiore ai 12.500€ devono essere dichiarate all’UIF (Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia) entro la fine del mese successivo.

Se vuoi saperne di più su come funziona la tassazione dell’oro da investimento leggi il nostro approfondimento completo qui >>> Tassazione sull’oro da investimento: come funziona?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.