Prezzo dell’oro in euro o quotazione in dollari?

oro dollaro

Il prezzo dell’oro può essere espresso in qualsiasi valuta, ma non tutti sanno che sui mercati finanziari l’unica valuta con cui è negoziato l’oro è il dollaro. Dunque il prezzo dell’oro in euro o in sterline non esiste? Certo che sì, ma facciamo chiarezza sulla questione in modo semplice.

Dai tempi degli accordi di Bretton Woods del 1944 l’oro aveva un tasso fisso con il dollaro. Precisamente il cambio era impostato a 35$ l’oncia. Le altre valute poi avrebbero dovuto avere tassi più o meno fissi con il dollaro. Per questo motivo si parlò di un sistema “dollarocentrico”.

Il legame fra oro e dollaro smise di essere fisso nel 1971, quando il presidente americano Nixon decise di slegare la valuta statunitense al metallo prezioso. L’oro continuò però ad essere negoziato in dollari sul mercato delle commodities (ovvero delle materie prime).

Tale situazione permane fino a oggi, dove gran parte delle materie prime come oro, petrolio, argento, gas naturale, palladio e platino vengono scambiate direttamente in dollari americani.

Come si arriva al prezzo dell’oro in euro (XAU/EUR)?

All’investitore italiano ed europeo interessa però solo relativamente l’andamento della quotazione dell’oro in dollari, dal momento che adotta un’altra valuta, l’euro, e un altro sistema di peso, ossia i grammi e non le once.

Per sapere qual è il prezzo dell’oro in euro, che in sigle possiamo definire XAU/EUR, dove la prima indica l’oro e la seconda l’euro, è necessario fare più calcoli.

Per prima cosa bisogna osservare la quotazione dell’oro in dollari, successivamente il cambio euro dollaro ed infine convertire le once in grammi. Troppo complicato? Vediamo di aiutarvi con un semplice esempio basato non su quotazioni reali.

Supponiamo che:

  • la quotazione dell’oro in dollari sia a 1.300$ l’oncia;
  • il cambio euro dollaro sia a 1,1300.

Dovremmo dunque fare la seguente operazione:

1.300 / 1,1300 = 1.150

Come primo dato abbiamo il prezzo dell’oro in once, che è pari a 1.150. A questo punto bisogna convertire questo risultato in grammi, dal momento che è nostra unità di peso. 1 oncia troy è pari a 31,10, dunque dovremmo semplicemente dividere risultato in 31,1035.

1.150 / 31,1035 = 36,97

Il prezzo dell’oro in euro sarebbe quindi di 36,97€ al grammo.

Lo stesso procedimento può essere applicato a qualsiasi valuta, non solo all’euro. Infatti tramite lo stesso calcolo è possibile trovare il prezzo dell’oro in sterline, in yen, in yuan e così via. L’importante è conoscere esattamente la quotazione dell’oro in dollari e il cambio fra il dollaro e la valuta con cui desiderate fare la conversione.

Fortunatamente su moltissimi siti web, come il nostro, vi viene mostrato direttamente il prezzo dell’oro in euro e non dovrete fare nessun calcolo matematico.

La quotazione in dollari quindi non è rilevante?

Tutt’altro! Come abbiamo visto il prezzo dell’oro in euro dipende dalla quotazione in dollari, oltre che dal cambio euro dollaro.

Un investitore europeo in oro non potrà non tenere conto del valore in dollari, sebbene quest’ultimo non sia così determinante come lo è per un investitore americano.

Esiste inoltre una sorta di correlazione positiva fra oro e euro. Entrambi gli asset sono infatti “rivali” del dollaro. Dunque in linea solo teorica abbiamo queste opzioni:

  • se il dollaro aumenta di valore, sia l’oro che l’euro si deprezzano
  • se il dollaro perde di valore, sia l’oro che l’euro si apprezzano.

Può capitare un rialzo dell’oro e contemporaneamente un ribasso dell’euro? Senz’altro, queste opzioni non sono da considerarsi come una regola fissa, ma solo una tendenza che si verifica nella maggior parte dei casi.

Può contemporaneamente il prezzo dell’oro in euro salire e la quotazione in dollari scendere?

Certamente sì! Se la quotazione dell’oro ha un ribasso più contenuto rispetto al calo del cambio euro dollaro, si verifica esattamente questa situazione.

Viceversa può succedere che la quotazione dell’oro in dollari sia in positivo, ma il prezzo dell’oro in euro sia in negativo. Tutto dipende quindi dalla percentuale di variazione.

Se hai dubbi sul contenuto del testo ti invitiamo a commentarlo e saremo lieti di rispondere ad ogni domanda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.