Il Coronavirus spinge l’oro a un ulteriore ribasso

Prezzo dell'oro

Il Coronavirus è al centro delle cronache di tutto il mondo e come prevedibile anche di quelle finanziarie. L’impatto sull’economia del Covid-19 è devastante e ciò sta portando turbolenze sui mercati finanziari, tra cui l’oro, che ha subito un forte ribasso.

Come già anticipato la settimana scorsa nel nostro ultimo approfondimento, in questo momento l’oro ha smesso di essere considerato un bene rifugio, anche se l’evento è molto probabilmente temporaneo. Infatti molti fondi speculativi e grandi investitori hanno deciso di liquidare le proprie posizioni in oro per compensare le perdite in borsa.

Sostanzialmente con il crollo della borsa i fondi speculativi hanno la necessità di non essere in perdita. La quotazione dell’oro nell’ultimo anno e mezzo ha raggiunto prezzi molto elevati e vendere oro è stata un’occasione per ottenere plusvalenze, ovvero profitti.

Le vendite di questi grandi fondi speculativi hanno però comportato un ribasso notevole dell’oro sui mercati finanziari. È importante ribadire che questa è stata la motivazione principale, non ci sono stati problemi di produzione o distribuzione.

Quotazione dell’oro attuale

Nel momento della stesura del nostro l’articolo il prezzo dell’oro è pari a 44,03€ al grammo, in calo del 3,33% rispetto alla nostra ultima analisi. La quotazione dell’oro è invece pari a 1.479$ l’oncia, in discesa del 6,69% sempre rispetto a una settimana fa.

Sono cali molto vistosi, soprattutto per quanto riguarda la quotazione dell’oro in dollari, che ha subito perdite anche per via del rafforzamento del dollaro sul mercato valutario degli ultimi giorni. Il primo dato invece è più contenuto a causa del deprezzamento dell’euro, che di fatto limita il calo del prezzo dell’oro in Italia e nei Paesi dell’eurozona.

Le risposte delle banche centrali al Coronavirus

Le banche centrali stanno rispondendo all’emergenza Coronavirus, in particolare qui ci concentreremo sulla Federal Reserve (USA) e sulla Banca Centrale Europea (Eurozona).

La conferenza stampa di Christine Lagarde della settimana scorsa fu disastrosa per le borse europee, in particolar modo per Milano che ha perso il 17% in una sola sessione. La numero 1 della BCE aveva infatti detto che non è compito della BCE osservare gli spread dei Paesi membri, ciò ha portato non solo a un’accentuazione del crollo delle borse (che già stavano crollando prima della conferenza stampa), ma anche a numerose critiche da parte di tutta la politica italiana e persino dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. 

La BCE ha corretto il tiro nei giorni successivi, sostanzialmente cambiando idea e sostenendo l’acquisto di titoli di Stato dei Paesi membri, tra cui l’Italia. Di questa notte è la notizia che la BCE è pronta ad acquistare titoli per un valore di 750 miliardi di euro, un piano che potrebbe salvare economicamente l’Italia e altri Paesi coinvolti in prima linea nella lotta al Coronavirus.

Questa mattina le borse europee hanno aperto positivamente, segno che questo intervenuto sembra essere piaciuto agli investitori.

La Fed dall’altra parte dell’Oceano ha azzerato i tassi di interesse e mette sul piatto 700 miliardi di dollari per sostenere lo sforzo economico statunitense per la crisi. I mercati però hanno paura e Wall Street chiude giorno dopo giorno in profondi ribassi, tanto che alcuni analisti chiedono la sospensione delle borse.

Grafici settimanali sulla quotazione dell’oro

Il grafico appena proposto di Bullion Vault indica il prezzo dell’oro in euro nel corso degli ultimi sette giorni. Rispetto alla settimana scorsa il prezzo è in calo, mentre da lunedì esso è apparso abbastanza stabile. Ciò non è frutto di una stabilità della quotazione, ma di un forte deprezzamento dell’euro sul mercato valutario, che ha limitato le perdite dell’oro in Italia e nell’eurozona.

Il secondo grafico indica la quotazione dell’oro in dollari negli ultimi sette giorni di mercato aperto. Qui possiamo notare un calo vistoso al termine della scorsa settimana, ma un trend piuttosto laterale da lunedì, con ampie variazioni, fatto che non avevamo visto nel precedente grafico. L’oro in una settimana ha perso molto terreno nei confronti del dollaro, che come abbiamo già anticipato si sta rafforzando sul mercato valutario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.